Castelli di qua e castelli di là

Domenica scorsa, nell’unica mezza giornata libera della settimana (l’altra mezza l’ho passata a dormire) sono andato al Castello di Himeji, giappina al sacco. Il castello è in ristrutturazione da ormai un anno e tale rimarrà almeno fino al 2015, quando sarà di nuovo agibile all’interno. Abbiamo deciso comunque di andare perché, essendo stato rinchiuso in una sorta di palazzo-impalcatura, c’è la possibilità di osservarlo come nessuno l’ha mai visto prima, cioè dall’alto. Il tutto per 200 yen oltre ai 400 necessari per entrare nel giardino antistante.

Ero veramente curioso di salire in cima, di osservare tegole, sigilli e decorazioni da vicino. Invece sono rimasto molto deluso: non solo ci siamo dovuti sorbire una fila epica (sembrava di stare a qualche attrazione di Disneyland), ma il tetto è visibile solo attraverso un vetro, da ben distante (alcuni metri). Di domenica non stavano nemmeno lavorando (giapponesi lavativi).
Sì forse dovevo immaginarlo, ristrutturazione, fragilità, lavori in corso, anzen dai ichi ecc, però per 200 yen vedere praticamente nulla è stata una grossa delusione.
Per quel che mi riguarda arrivederci al 2015 Himeji-jou.

E qui mi ricollego per segnalarvi invece il nuovo post su minube riguardo al castello di Akashi. Raso al suolo circa 150 anni fa non offre uno spettacolo imponente come il suo più famoso cugino, ma il bel parco attorno e l’atmosfera rilassata lo rendono una meta molto più gustosa, soprattutto ora.

Colonna sonora al post offerta da Alan:

Annunci
8 commenti
  1. arisio ha detto:

    La giappina al sacco era accuratamente avvoltolata con tanto di apertura a strappo PERFETTA come solo sugli onigiri ho visto?

    A.

    • Tonari ha detto:

      Quelle so tutte cosacce industriali… la mia giappina al sacco è più o meno così

      • arisio ha detto:

        Ah, quindi si apre come una margherita al sole…senza sforzi…..bello il tocco di rosa..indice di freschezza…..

        A.

  2. ege ha detto:

    Hai visitato anche il planetario di Akashi, per caso?

      • ege ha detto:

        Ok, volevo chiederti che ne pensavi (noi abbiamo in programma di andarci nei prossimi giorni)… ma immagino che non sia tanto male se ci sei tornato una seconda volta, a meno che non ti abbiano costretto ;)

      • ege ha detto:

        Punto a quello di Akashi per interesse “lavorativo”, dato che ci passa il meridiano di 135.0 gradi ed e’ stato usato per definire il tempo giapponese standard :)

        In caso volessi andarci una terza volta con noi, scrivimi pure!

        In ogni caso grazie per il consiglio, in caso faremo una capatina anche a quello di Kobe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: