Criceti

Come già successo il 30 novembre, anche ieri il Giappone, fermamente contrario al proseguimento del Protocollo di Kyoto, si è guadagnato il poco ambito premio per il discorso più retrogrado alla Conferenza delle parti che si sta svolgendo a Cancun nel contesto della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Posso azzardare un parere? Non mi stupisce. Ritengo i giapponesi un popolo per molti versi straordinario, ma dedito a un progresso fine a sé stesso più che al “servizio dell’uomo”. Il fasto dei negozi, il treno puntuale, il conbini sempre aperto,  sono cose belle e comode, ma prima di tutto ci comunicano come sia giusto produrre tanto, produrre in fretta e produrre sempre.
A fornire il motivo di questa folle corsa si mette la ditta, qualunque ditta, coi suoi nobili principi aziendali improntati al miglioramento dell’umanità, alla cortesia, al contributo alla nazione, a altri importanti valori che agli occhi di un povero gaijino appaiono come scuse per non ammettere di essere criceti ognuno in piena corsa nella propria ruota.

A volte sarebbe meglio fermarsi e stare un po’ in santa pace.

Annunci
2 commenti
  1. albino ha detto:

    Mi fanno troppo girare le palle, soprattutto perché il Marketing qui gli impone di mettere la parola Eco dappertutto!

  2. Akanishi au Québec ha detto:

    è vero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: