archivio

Archivio mensile:gennaio 2010

Titolo di una tristezza incredibile.

Comunque, oggi mi ricordo di avere un blog giapponese e posto qualche foto.

Le immagini si riferiscono a una scampagnata tra amici sui monti verso Arima-cho, partenza alle 9 di mattina dalla stazione di Ashiya-gawa sulla Hankyu.
Già svegliarsi presto (ci metto quasi un’ora ad arrivare laggiù) è stato atroce dopo una settimana di duro lavoro, ma il peggio mi aspettava nella scalata, una gita di 5 ore tra salite e discese spaccagambe E dire che sono abbastanza allenato corro, faccio pesi e quando posso vado pure in palestra.

Nondimeno ero sul punto di arrendermi, della serie lasciatemi qui e chiamate un elicottero.

Dalle parti del Rokko-san, il monte superdotato.

Ma tutto è bene quel che finisce bene e sono giunto alle famose terme di Arima ancora sui miei arti.

Uno scorcio di Arima.

Dopo una breve pausa ristoratrice presso le onsen del luogo, cena (alle 5 del pomeriggio vi farei notare), birra a fiumi, okonomiyaki, gyoza, spogliarelliste.

Un altro scorcio. Qua eravamo vicino a una bancarella di crocchette.

E infine tutti a casa, anche troppo presto per i miei gusti (saranno state le 10 di sera), ma dopo tutto il sudore espulso e l’alcol introdotto mi sentivo un po’ stanchino.

Così bravo ragazzo e a nanna.